Telegram è un’app versatile, curata e soprattutto “riservata”: nello specifico, la grande tutela dell’anonimato e della privacy ha certamente contribuito a farla diventare una delle applicazioni di messaggistica istantanea più amate. Ecco come sfruttare al meglio le sue caratteristiche intrinseche.

Privacy su Telegram

Prima di tutto iniziamo ricordandovi che Telegram considera il numero di cellulare un elemento “secondario”, visto che non è fondamentale per chattare: per farlo, infatti, basta conoscere il nome utente di una persona.

Ma come non farsi vedere su Telegram e mantenere l’anonimato? A prescindere dal motivo che vi spinge a cercare la privacy totale, ecco alcune informazioni utili.

Partiamo dalle spunte, che proprio come su Whatsapp servono per dare una chiara conferma di consegna e di lettura dei messaggi. L’intento è lo stesso, ma il sistema di codifica dello stato d’invio e lettura è diverso:

  • spunta singola – messaggio inviato al cloud di Telegram e notificato al contatto (se non ha silenziato la chat)
  • spunta doppia – messaggio letto dal destinatario e chat aperta

Un’accortezza? Aprire Telegram solo se pensate di rispondere, e usare un’immagine profilo generica per non essere riconosciuti.

Consigli per l’anonimato su Telegram

Per mantenere l’anonimato su Telegram potete anche togliere parzialmente le info contatto relative alle vostre attività, rendendole meno precise.

Per farlo, basta seguire il percorso Impostazioni > Privacy e Sicurezza, poi scegliere di limitare le notizie da mostrare, come ad esempio:

  • numero – pubblico, contatti, assente
  • farsi trovare tramite numero da tutti o solo da chi ha il contatto in rubrica
  • condividere il numero solo con alcuni contatti (opzione “Aggiungi eccezioni”)
  • ultimo accesso e in linea – tutti / i miei contatti / nessuno

Attenzione: come su Whatsapp, senza l’autorizzazione di visualizzazione dell’orario di collegamento neanche voi vedrete quello altrui.

Rendervi invisibili su Telegram

Per mantenere il massimo anonimato su Telegram una scelta netta è quella di rendervi invisibili: farlo vi permetterà di non far capire che chattate, nasconderà gli ultimi collegamenti e vi consentirà di entrare e uscire liberamente dall’app.

Per risultare invisibili su Telegram potete anche solo limitarvi a leggere le notifiche istantanee, senza intraprendere altre procedure di anonimato, o ancora bloccare momentaneamente il contatto che vi spia o vi infastidisce. In quest’ultimo caso, ricordate che bloccare un contatto temporaneamente vorrà dire non ricevere più i suoi messaggi (finché sarà in lista nera).

Se avete deciso di procedere con il blocco contatto su Telegram accedete alle Impostazioni>Privacy e Sicurezza>Utenti bloccati.

Scegliendo questa opzione in modo temporaneo potrete scegliere a chi risultare online in un determinato momento della giornata. Ancora diverso il discorso di chi sceglie di levare l’ultimo accesso, opzione che rimuove la scritta “in linea” rendendovi di fatto sempre inattivi su Telegram. Ma ci sono anche metodi ancora più “drastici”.

Aiuti per anonimato su Telegram

Ai più “timidi” torneranno utili le applicazioni gratuite fornite da sviluppatori terzi che permettono di leggere i messaggi fuori da Telegram: esse impediscono la sincronizzazione istantanea nel cloud e di conseguenza l’avviso di lettura per il mittente. Un esempio pratico? Unseen, disponibile solo per Android.

Ultima opzione, scegliere un Mod per modalità fantasma su Telegram: i migliori sono scaricabili anche dal bot denominato AppsTelegramBot, ma cosa sono? Si tratta sempre di applicazioni terze che usano client Telegram alternativi a quello ufficiale, come Mobogram, una versione modificata e arricchita di Telegram stesso.

In alternativa a Unseen o Mobogram, ci sono i bot per spiare le conversazioni di Telegram, capaci d’intercettare i messaggi contrassegnati come non letti per leggerli senza che all’altra persona venga notificato nulla. I bot tornano utili anche per inviare messaggi senza aprire la chat correlata.

Usando questi sistemi potrai evitare di notificare l’attività di lettura e scrittura alla persona con cui stai chattando, anche senza app esterne che potrebbero inficiare l’attenzione alla privacy tanto apprezzata su Telegram.

Leave A Reply

Please enter your comment!
Please enter your name here