Notizie Iliad

In queste ultime settimane si è tornato a parlare di eSim, ovvero le sim che diventano virtuali, quindi non più fisiche come fino ad oggi ma perfettamente integrate nei device compatibili.

Proprio in questi giorni TIM e WindTre hanno fatto sapere di essere pronti a lanciare le prime offerte con eSim, mancano all’appello Vodafone e naturalmente iliad, il quarto operatore mobile però non sembra per ora intenzionato ad adeguarsi a questa novità.

Di sim virtuali si parla già da alcuni anni ma fino ad oggi per vari motivi non vi è stato mai un lancio in grande stile, complici alcuni dubbi sull’utilizzo di questa tecnologia e l’assenza di dispositivi predisposti.

Con l’arrivo sul mercato dei primi device che supportano le sim virtuali, anche gli operatori telefonici stanno cominciando a drizzare le antenne nei confronti di una tecnologia che presenta sicuramente molti vantaggi ma anche alcuni svantaggi forse più per le aziende che per gli utenti.

COSA SONO E COME FUNZIONANO LE ESIM?

Le eSim presentano le stesse funzioni e caratteristiche di quelle fisiche, delle sim card per intenderci, consentono al dispositivo di agganciarsi alle reti mobili ma sono perfettamente integrate in piccolissimi alloggiamenti del telefono e si attivano tramite la lettura di un codice QR da conservare con cura come se fosse il pin della eSim in questione.

I vantaggi sono molteplici: anzitutto le eSim non sono soggette a smaterializzazione, ridurrebbero la produzione di schede di plastica e anche i costi di gestione da parte degli operatori.

Permetterebbero agli utenti di avere anche più linee telefoniche diverse senza dover possedere un device con doppia sim o telefoni diversi e poter gestire le varie linee in maniera più fluida con offerte commerciali diverse.

L’utilizzo delle eSim inoltre permetterebbe una gestione molto più veloce e immediata della portabilità del numero ma anche ulteriore concorrenza tra gli operatori con prevedibili vantaggi sui costi finali per gli utenti.

Ma proprio per questa ulteriore, accesa concorrenza che si creerebbe tra gli operatori, già oggi parecchio accesa, fa calare dei dubbi sulle eSim e sicuramente è tra i dubbi, per il momento da parte di iliad di lanciare questo tipo di sim.

Da parte dei piani alti di iliad infatti al momento è arrivato un parere negativo pur senza spiegare nei dettagli le motivazioni di questo parere negativo che diciamolo subito non è solo da parte di iliad ma anche di altre aziende telefoniche che cercano al momento di andarci caute.

Da un certo punto di vista, considerata la strategia del quarto operatore mobile adottata fino ad oggi di ridurre al minimo i costi generali di gestione, l’utilizzo delle eSim potrebbe rappresentare una manna dal cielo, ma bisogna anche precisare che i device predisposti sono ancora troppo pochi.

In futuro però l’utilizzo delle sim virtuali potrebbe essere una gran bella soluzione da adottare anche nei dispositivi wearable, negli smartwatch e nei tablet. Intanto gli ultimi modelli di iPhone presentano la predisposizione per le eSim.

Per quanto riguarda i costi delle eSim da parte di TIM si parla di un 10 euro per una nuova eSim mentre per passare da una sim card fisica ad una virtuale il costo sarebbe di 15 euro.

fonte 4Fan.it

Leave A Reply

Please enter your comment!
Please enter your name here